Home Trattamento capelli Taglio di capelli ricci corti : acconciatura che valorizza il viso

Taglio di capelli ricci corti : acconciatura che valorizza il viso

41
0

Belle e alla moda anche con un taglio riccio corto? Si può, perché esistono diversi tipi di acconciature e di accorgimenti in grado di valorizzare al meglio questo tipo di taglio che esalta la femminilità di chi lo porta.

Ricci e corti le idee migliori

La premessa generale è che i tagli corti per i capelli ricci non sono così facili da sistemare con il fai-da-te e quindi sempre meglio affidarsi a professionisti del settore che conoscono bene i prodotti da utilizzare e le lunghezze da portare. Non tutti i capelli ricci infatti possono essere trattati allo stesso modo e soprattutto non vanno mai tagliati da bagnati, ma solo quando sono asciutti in modo da rispettare sempre le proporzioni.
Passando ai tagli, se abbiano una personalità sportiva, giovanile e frizzate l’ideale è taglio ‘flou‘, con la frangia e i riccioli messi in maniera volutamente disordinata. Volendo, si può anche accompagnare con una frangia.
Al contrario chi ama i tagli tradizionali ed è una personalità più tranquilla può puntare sul taglio a caschetto oppure sul ‘carré‘. Nel primo caso si tratta di un taglio più corto dietro e più lungo davanti, nel secondo invece la lunghezza è praticamente la stessa e comunque non arriva a coprire le orecchie. Soprattutto in caso di ricci naturali sono tagli che assicurano un effetto morbido e molto sensuale.
Più complicato, ma altrettanto bello come effetto finale è il taglio corto rasato da un lato e un po’ più lungo dall’altro per creare un effetto asimmetrico. Sicuramente è indice di uno stile alternativo, anche se non tutte le donne lo possono portare perché serve avere anche una personalità forte e un fisico adeguato.
E ancora, i ricci in stile ‘afro’ sono di sicuro effetto per tutte le donne che li portano ma vanno curati alla perfezione. Per valorizzarli al massimo è consigliabile fare un taglio a cascata, senza righe che dividono i capelli, utilizzando delle scalature ad arte.

Come trattare il capello riccio corto

Ci sono alcune piccole ma essenziali regole da seguire per tutte le donne che hanno i capelli ricci e che servono per proteggerli, per renderli più forti, per avere un effetti sempre naturale anche quando non li possiamo curare con frequenza.
Anzitutto i capelli vanno lavati di frequente, anche nella stagione più fredda. Ma questo può portare con il tempo ad indebolirli e soprattutto, in caso di ricci naturali tendere a farli increspare ancora di più rispetto al solito, creando ovviamente anche più nodi più difficili da districare. La colpa è degli shampoo che portano via l’olio naturale del capello, quelli che servono proprio per proteggerlo dall’increspatura. Quindi meglio lavarli in maniera profonda solo un paio di volte alla settimana, usando sempre prodotti naturali e biologicamente testati
Molta attenzione va fatta anche quando li asciughiamo. In questo caso il calore del phon o della piastra arricciacapelli, specie se con un calore eccessivo, sono un danno certi per i capelli. Quindi se il vostro desiderio è quello di avere ricci naturali, sempre meglio asciugarli all’aria aperta, ovviamente se il meteo lo permette.
Ma come vanno pettinati i capelli ricci? Intanto con cura ma senza forza eccessiva con la spazzola, perché il rischio è quello di indebolirli indipendentemente da fatto che siano corti o lunghi. In più, volete mettere l’effetto di un capello mosso soltanto con la forza delle mani?
Infine un altro nemico della chiama riccia è l’umidità, sia quella esterna che soprattutto quella interna dovuta al calore e ad ambienti troppo chiusi. Se potete, all’aperto copriteli con un cappello o un foulard e comunque se vi accorgete che l’umidità è eccessiva (basta controllare la vostra sudorazione per capirlo) cercate di rimanere il meno possibile.

Come pettinare i capelli ricci

E ora sfatiamo una leggenda, perché molti credono che pettinare i capelli ricci sia veramente più complicato rispetto a chi ha una testa liscia. In effetti è vero, ma solo in parte perché con un po’ di cura e qualche suggerimento intelligente è un esercizio che non porta via troppo tempo.
Il primo passaggio, fondamentale, è quello di districare bene i capelli prima di bagnarli. Il riccio quando è bagnato infatti risulta anche più fragile e quindi ha necessità di un’attenzione maggiore. A capelli asciutti, invece, sarà sufficiente separarli delicatamente con le dita delle mani, partendo dalle punte e risalendo con delicatezza fino alle radici. Con un po’ di pratica quotidiana, sarà un’operazione che ripeterete senza problemi.
Il vero nemico dei capelli ricci è invece il pettine, perché anche quelli con i denti più larghi e che quindi ci sembrano ideali in realtà vanno a stressare il capello e quindi lo indeboliscono. Ecco cosa fare per essere sempre in ordine: invece di fare come per i capelli lisci, cioé passare senza problemi in tutta la testa, qui bisogna curare piccoli porzioni della chioma ogni volta, partendo dalle punte e arrivando fino alla radice del capello.
Agendo dal basso vero l’alto con le mani, come confermano gli esperti di tricologia, riusciremo a separare tutti i nodi che imbrigliano i nostri capelli ricci. Contrariamente, se invece partissimo dall’alto verso il basso le nostre dita verrebbero ‘imprigionate’ dai capelli senza riuscire ad ottenere un buon effetto finale e si stresserebbe ancora di più la chioma. In più con questo trattamento manuale si eliminano anche con maggiore efficacia le doppie punte.
Per lavarli dobbiamo scegliere uno shampoo specifici per capelli ricci, possibilmente ricchi di proprietà idratanti in modo da rinforzare il capello. E periodicamente è consigliabile l’applicazione di una maschera, sempre usando solo le dita in modo da farla penetrare bene all’interno della chioma. Il pettine, anche in questo caso, ci complicherebbe solo la vita perché crea delle ciocche che andrebbero a mescolarsi con le altre mandando a monte tutto il prezioso lavoro fatto in precedenza.
E se comunque i nodi rimangono? Non stressatevi: è possibile soprattutto la mattina, in quanto nel sonno i ricci si strofinano sul cuscino e quindi si arruffano. Basterà un po’ di pazienza in più quando ci si prepara per uscire al mattino, ma un trucco saggio è quello di utilizzare una federa
di seta che fa scivolare i capelli grazie alla sua superficie liscia e non li blocca.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here