Intervento al seno con Silicone

Era stato bandito da 14 anni , ma oggi le autorità sanitarie americane hanno aperto nuovamente all’utilizzo di protesi al silicone per migliorare la forma dei seni.

Il dubbio però rimane  sulla durata a lungo termine dei sacchetti di silicone.

Fù bandito tempo fa per una situazione successa  davvero grave, anzi gravissima

Almeno una 15ina di anni fa ci furono rotture improvvise delle protesi al silicone .

Le perdite non previste del contenuto scatenarono negli Stati Uniti una serie di azioni legali nei confronti dei produttori di protesi al silicone.

Come se non bastasse nacque anche  il sospetto che gli impianti di silicone potessero provocare il cancro o innescare problemi auto-immunitari dell’organismo.
Oggi, negli Stati Uniti, sono effettuati ogni anno 300 mila interventi di chirurgia estetica al seno.

La grande richiesta delle protesti per il seno al silicone e nuove tecniche per la produzione di sacchetti “sicuri” hanno spinto le autorità sanitarie Americane a riaprire la scena della chirurgia estetica alle protesti per il seno al silicone.

“Fino a 22 anni il seno continua a crescere – ha spiegato un dirigente della FDA – e quindi un intervento di correzione estetica sarebbe prematuro”.

Un intervento di chirurgia estetica al seno costa almeno 10 mila dollari negli Stati Uniti e non è rimborsato, di solito, dalle assicurazioni mediche.

La quasi certezza di un secondo intervento di ‘manutenzione’ porta a quasi 20 mila dollari il costo dei seni più belli.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.