Home Interventi Graham Elliot: lo Chef di MasterChef Usa dimagrito oltre 60 kg

Graham Elliot: lo Chef di MasterChef Usa dimagrito oltre 60 kg

137
0
Gastrectomia

Graham Elliot, il cuoco e giudice di MasterChef Usa e tra i numeri uno della cucina, che ha conquistato molte stelle e conosciuto in America e non solo, ha perso più di sessanta kg.

Ha 37 anni e ha sempre sofferto di obesità; infatti tutti lo conoscono per come si è sempre presentato, con la sua “grande presenza” in tutti i sensi.

A un certo punto della sua vita ha deciso di cambiare completamente e di perdere peso; ci è riuscito con un intervento di gastrectomia, la riduzione dello stomaco, che seguita da dieta e sport gli ha consentito di perdere quasi settanta chili.

La cosa più incredibile è il tempo breve in cui è riuscito nella sua impresa; parliamo di soli nove mesi.

Chi lo segue su Twitter è rimasto sbalordito dal suo cambiamento; Graham ha pubblicato le foto prima e dopo il suo percorso e si fa fatica a riconoscerlo, rispetto a come lo si ricordava.

Cosi come altri illustri colleghi, come Joe Bastianich e Gordon Ramsay, Graham ha sorpreso tutti, dimagrendo veramente tanto.

Graham Elliot gastrectomia


Per l’asportazione dello stomaco effettuata durante la gastrectomia, ha scelto la University of Chicago Medical Center.

Nel corso di numerose interviste ha evidenziato come secondo lui a seguito dell’operazione, ci sarebbero voluti almeno un paio di anni per raggiungere l’obiettivo che si era prefissato.

Elliot però ha poi cambiato atteggiamento e dopo l’intervento ha iniziato a curare in modo estremo sia la dieta che l’attività sportiva, tanto da arrivare al traguardo in poco meno di un anno.

Oltre che per se stesso, il giudice cuoco, ha deciso di farlo per la sua famiglia e per i suoi figli, ne ha tre.

L’intervento lo ha riposizionato verso la strada virtuosa, ma Graham ci tiene a sottolineare che il segreto sta tutto nel periodo che segue la gastrectomia; se non si ha una dedizione e convinzione costante nella dieta e nello sport, l’intervento da solo non può risolvere i problemi di obesità grave come lo era il suo.

Che sport pratica Elliot dopo il dimagrimento

Successivamente al dimagrimento, il cuoco afferma di correre tutti i giorni e il suo prossimo impegno è quello di partecipare alla maratona di Chicago.

Ha scelto nella sua alimentazione, specialmente nei momenti in cui la fame si fa sentire, di mangiare della frutta secca al posto delle vecchie patatine o dei dolci che amava divorare spesso.

È molto fiero di essersi ritrovato non solo fisicamente ma anche mentalmente; infatti recentemente è riuscito ad indossare dei capi che usava da ragazzo.

D’altronde l’unica cosa che gli mancava era il momento giusto per trovare la voglia di iniziare; sulle sue doti professionali non ci sono mai stati dubbi.

Infatti nel corso della sua carriera di Chef, uno dei periodi più belli c’è stato quando si è occupato della realizzazione del Menù, per il compleanno dell’allora Presidente degli Stati Uniti Barack Obama.

Da poco ha raggiunto un altro traguardo di lavoro, inaugurando un nuovo ristorante, il Primary Food & Drink, che si trova in Connecticut, precisamente a Greenwich.

Fin da giovane si era fatto strada nella ristorazione; gia 15 anni fa aveva vinto il premio riservato al nuovo migliore cuoco dell’anno, concessogli dal giornale di gastronomia americano Food & Wine Magazine. In un altro suo ristorante, che si trova a Chicago è stato insignito di due stelle Michelin.

MasterChef Italia

Il prossimo mese di Gennaio lo vedremo come ospite nella versione italiana di MasterChef, in onda su Sky Uno.

Si tratta però della messa in onda in differita, di alcune puntate che sono state registrate prima del suo dimagrimento.

In ogni caso potremo conoscerlo come persona, come Chef e soprattutto come giudice e scoprire come ha giudicato i concorrenti di MasterChef italia.

In attesa di vederlo in diretta e magro, potete ripagare la vostra attesa, con una sfida interessante.

Infatti una delle prove previste sarà la riproduzione del Menu che Graham aveva realizzato per il compleanno di Obama.

L’esperienza a MasterChef Italia gli è piaciuta molto e ha parlato sia di quello che di cosa lo abbia stimolato a prendere la decisione di dimagrire.

Come ama ripetere, i suoi figli hanno contribuito molto nella sua decisione; lo hanno spinto a dedidere di avere uno stile di vita più sano.

Quando parla dell’intervento, non dice che sia stato particolarmente doloroso; il ricovero è stato di tre giorni e l’operazione ha avuto una durata di un’ora circa.

Grazie alla gastrectomia è tornato a lavorare con serenità, pur assaggiando i suoi piatti, quando si trova nel suo regno che è la cucina; a differenza di prima si sente subito sazio, dunque si limita a mangiare pochi bocconi di cibo; le quantità passate sono un ricordo ormai lontano.

Gastrectomia cos’è e come funziona

Si chiama gatrectomia; è un intervento che prevede la rimozione dello stomaco o di una sua parte, a seconda dei casi.

Si può operare in anestesia totale o in laparoscopia; è previsto anche per la cura dei tumori dello stomaco, ma in questo caso è specifico per il trattamento dell’obesità grave.

Ci sono diversi tipo di gastrectomia: parziale, totale, con rimozione dell’esofago e a manica.

Nel periodo successivo all’operazione, al paziente viene richiesto un cambio drastico delle abitudinni alimentari e dello stile di vita, precedentemente adottato.

Se si applicano le direttive dei medici, si possono raggiungere i risultati desiderati e tornare vicini al proprio peso forma, cosi come è successo a Graham.

Con questo intervento lo stomaco ridotto permette al paziente di non mangiare troppo, dato che si sentirà sazio dopo pochi bocconi.

Di conseguenza il dimagrimento avviene in modo naturale, purchè si segua la dieta prescritta dai medici a seguito dell’operazione.

Con lo stomaco ridotto, la quantità di cibo che il paziente sente di poter ingerire sarà di gran lunga inferiore alla media.

Nei casi più gravi si rimuove l’intero stomaco; nella gastrectomia parziale si asporta la sezione inferiore dello stomaco, in quella a manica si elimina la parte sinistra e infine nella esofagogastrectomia si va ad asportare la parte superiore dello stomaco insieme a una parte dell’esofago.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here