Home Alimentazione e Sport Miglio: aiuta la digestione e toglie il bruciore di stomaco

Miglio: aiuta la digestione e toglie il bruciore di stomaco

2
0

Il Miglio (Panicum miliaceum)

Attualmente si conoscono diverse varietà che vengono consumate dopo la decorticazione. Ha una composizione simile al frumento, ma non contiene glutine e quindi è adatto nell’ alimentazione dei soggetti affetti da morbo celiaco. Il chicco di miglio è assai ricco di amido, è inoltre uno degli alimenti più ricchi di sostanze minerali tra le quali si possono ricordare ferro, magnesio, fosforo, silicio. Per il suo alto contenuto di acido salicilico può essere considerato un vero prodotto di bellezza: ha infatti un’azione stimolante sulla pelle , sui capelli , sulle unghie e sullo smalto dei denti.
Contiene vitamine del gruppo A e B, è decisamente facile da digerire e, visto il suo alto contenuto di lecitina e colina, è indicato per persone che svolgono attività intellettuali e agli organismi debilitati. Le sue proprietà lo rendono particolarmente consigliabile per le donne in gravidanza.

Miglio effetto alcalinizzante


È l’ unico cereale con un effetto alcalinizzante, quindi è indicato per chi soffre di acidità di stomaco, inoltre, essendo di facile digestione, è particolarmente indicato, oltre che nella prima infanzia e nelle malattie ricostituenti, anche nelle malattie di milza e pancreas.
Il miglio è un cereale troppo spesso sottovalutato, basti pensare che è quello con il più alto contenuto di vitamine e sali minerali; in particolare contiene: magnesio, calcio, fosforo, acido silicico, ferro, fluoro, potassio, zolfo, vitamine del gruppo PP, B1, B2, e proteine di alto valore biologico.

Miglio non ha glutine


Poiché nessuno dei tipi di miglio è strettamente imparentato con il grano, è un alimento indicato per i celiaci o per chi soffre di altre forme di allergie o intolleranze al glutine o al grano. Il miglio è anche un blando inibitore della perossidasi tiroidea, l’enzima coinvolto nella sintesi degli ormoni tiroidei (un recente studio ha rilevato una stretta correlazione tra celiachia e autoimmune nei pazienti in età pediatrica) e quindi non dovrebbe venire consumato in grandi quantità da chi soffre di problemi alla tiroide.
Valori nutrizionali per 100 grammi di parte edibile
Kcal
356.00

Proteine 11.80 gr
Carboidrati 72.90 gr
Grassi 3.90 gr
Saturi 0.72 gr
Monoinsaturi 0.77 gr
Polinsaturi 2.13 gr
Fibra totale 8.50 gr
Tiamina ( vit. B1) 0.42 mg
Riboflavina (vit. B2) 0.29 mg
Niacina (vit. B3) 4.72 mg
Vitamina E 0.18 mg
Calcio 8.00 mg
Ferro 3.01 mg
Fosforo 285.0 mg
Magnesio 114.0 mg
Potassio 195.0 mg
Rame 0.75 mg
Selenio 2.70 mcg
Zinco 1.68 mg

In breve le sue proprietà sono:

assenza di glutine e con indice glicemico molto basso (ancor più basso nella versione integrale);
è un cereale non acido ma alcalinizzante (e l’acidità è un grosso problema per l’apparato digerente);
– contiene lecitina che emulsiona i grassi e risulta molto digeribile;
– contiene sostanze silicee (ottime per pelle e capelli);

MES – Nicola Camera

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here