Home Alimentazione e Sport Preparare la pelle al sole con l’alimentazione giusta

Preparare la pelle al sole con l’alimentazione giusta

9
0

La pelle é l’organo più esposto all’azione degli agenti esterni in particolare agli effetti ossidanti dei raggi UV del sole. Con l’alimentazione possiamo intervenire assumendo nutrienti che garantiscano una buona idratazione, che limitino i danni da radicali e che favoriscano il rinnovamento delle cellule dell’epidermide. 

Come proteggere la pelle

Ecco alcune semplici regole:
– seguire un regime a basso impatto glicemico (eliminando zuccheri semplici, tra cui particolarmente dannoso è il fruttosio, e farine raffinate). L‘eccesso di zuccheri altera la struttura delle proteine, attraverso un processo noto come “glicazione”, provocando infiammazione e, nel caso delle proteine della pelle (collagene), perdita di elasticità.
– Assumere quotidianamente frutta e verdura fresca e di stagione, variata nei colori. 
– Assumere grassi buoni, come quelli dell’olio extravergine, della frutta secca oleosa (noci, mandorle) e dell’avocado, vero alimento anti-age.
– Assumere cibi ad elevato contenuto in omega 3 (pesce azzurro come salmone o tonno, noci e semi di lino).
– Assumere cibi ad alto potere antiossidante come tè verde, curcuma e cioccolato fondente.
– Seguire una dieta ricca in fibra (che si trova in frutta, verdura, cereali integrali e legumi).
– Idratarsi a sufficienza.
Evitare cibi processati dall’industria (snack salati, carni processate, bibite zuccherate).
– Evitare cibi light e dolcificanti chimici, che aumentano l’infiammazione e lo stress ossidativo favorendo l’invecchiamento cellulare.
Limitare nella dieta le proteine e i grassi animali
– Evitare l’eccesso di alcol e caffeina.
– Limitare la bollitura delle verdura, che fa perdere vitamine ed antiossidanti.
– Limitare cotture pericolose come la brace o la piastra, che generano un forte stato infiammatorio e la produzione di sostanze cancerose e infiammanti, accelerando l’invecchiamento cellulare.

Passeggiare all’aria aperta

Ci sono moltissimi buoni motivi per andare a camminare all’aria aperta, perché l’esposizione alla luce solare porta grandi giovamenti al nostro corpo:
– Ci assicura sufficienti scorte di vitamina D, contenuta in pochissimi alimenti come latte e uova, ma sintetizzata sulla pelle grazie ai raggi del sole. La vitamina D ci protegge dall’osteoporosi e, secondo gli ultimi studi, anche da numerose patologie come quelle autoimmuni e alcuni tumori.
– Potenzia il nostro sistema immunitario.
– Migliora il tono dell’umore attraverso l’aumento dei livelli di serotonina.
– Regola la sintesi degli ormoni sessuali aumentando i livelli di testosterone e quello degli ormoni tiroidei.
– Regola il ritmo circadiano degli ormoni migliorando il nostro metabolismo e il ritmo sonno-veglia.

Camminare all’aria aperta, in un parco o anche nel centro storico della propria città, ci dà inoltre stimoli sensoriali e percettivi che un luogo chiuso come una palestra non ci può offrire. A questo poi si associano i benefici dell’attività fisica, che anche una semplice camminata ci può garantire:
– Aumento del metabolismo basale.
– Controllo dei livelli di glicemia nel sangue.
– Miglioramento della frequenza cardiaca.
– Prevenzione dell’ipertensione.
– Riduzione della ritenzione idrica.

Post Facebook della Dott.ssa Nutrizionista Paola Meo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here