Home Trattamento Viso Plasma Ricco in Piastrine , trattamento per ringiovanire il viso

Plasma Ricco in Piastrine , trattamento per ringiovanire il viso

7
0

Parlando di Medicina Rigenerativa non si può prescindere dal parlare del PRP (Plasma Ricco in Piastrine).
Questo trattamento presenta delle novità ma , prima di parlarne, andiamo con ordine e raccontiamo la sua storia.
I fattori di crescita piastrinici, che le piastrine portano con sé, sono stati dapprima utilizzati in medicina per effettuare una riparazione, ad esempio nelle ulcere da decubito.

Pelle rigenerata

La riparazione è un processo non squisitamente fisiologico, bensì fisiopatologico; nel senso che, in risposta ad un danno, determina la neoformazione di un tessuto fibrotico ricco di collagene cicatriziale o collagene di tipo I.
Si persegue non è una riparazione cicatriziale ma una rigenerazione, cioè un processo del tutto fisiologico con produzione di collagene reticolare (di tipo III). Si fa riferimento al collagene che ringiovanisce il derma e quindi la cute. I vari tipi di collagene vengono prodotti da una cellula particolare del derma che è il fibroblasto.

Il primo che utilizzò i fattori di crescita non per riparare ma per rigenerare fu Victor Garcia, chirurgo plastico estetico della UAB (Università Autonoma di Barcellona).

PRP pro e contro


Il Prof Ceccarelli insegna che la stimolazione tramite PRP può avere conseguenze negative qualora i fibroblasti attivati siano già anziani, dato che tale stimolazione ne accelererebbe la morte. Inoltre, cosa ancor piú grave, il fibroblasto anziano produce collagene fibrotico anzi che reticolare (e giovane). Ciò porta a un invecchiamento cutaneo dal punto di vista biologico, anche se da un punto di vista puramente estetico la pelle appare piú liscia per effetto dello “stiramento” che il collagene cicatriziale e fibrotico comporta.

Un caso tipico è quello della paziente che, a causa di gravi rilassamenti, può sottoporsi solamente piú a lifting. Ebbene, in un caso del genere, noi suggeriamo di tentare prima la strada del collagene fibrotico cicatriziale, dal momento che questa può anche condurre a un risultato soddisfacente.

Tornando al discorso della Rigenerazione e del PRP conchiudo che, prima di effettuare tale trattamento, dobbiamo assicurarci di avere dei fibroblasti giovani (da stimolare poi con il PRP; oppure con il needling che, se eseguito correttamente, ottiene lo stesso effetto).

Come si fa ad avere fibroblasti giovani? Sappiamo che i fibroblasti derivano dalla differenziazione delle cellule staminali attivate nel corretto ambiente. In tutti i nostri tessuti e quindi anche nella cute, sono presenti cellule staminali in fase quiescente che, qualora vengano stimolate da 0,34 millimoli di ROS (Radicali liberi dell’Ossigeno) introdotti nella cute, si differenziano e danno origine a fibroblasti giovani.

PRP COME FUNZIONA

Nella pratica introduciamo la soluzione di ROS in tutta l’area cutanea bisognosa del trattamento. In particolare utilizziamo una soluzione di acido ascorbico in presenza di ferro ferrico, poiché in presenza di metalli di transizione (quale il ferro ionico Fe+++) l’acido ascorbico attiva una particolare reazione (reazione di Fenton) con liberazione di Radicali Liberi di tipo ossidrilico.

In parole povere, questi radicali provocano “un piccolissimo danno” che, lungi dal danneggiare il tessuto, costituisce in realtà lo stimolo differenziativo indispensabile alla formazione di nuovi fibroblasti giovani. La differenziazione si completa poi in un lasso di tempo che può variare dai 7 ai 21 giorni. Quindi dopo 3 settimane abbiamo dei fibroblasti giovani da poter attivare.

PRP , pelle liscia e sana

E così, tutte sapete adesso quale è il meccanismo d’azione corretto per avere la certezza di stimolare fibroblasti giovani che daranno origine ad un vero ringiovanimento della cute.

AVREMO PERTANTO NON SOLO UN ASPETTO PIÚ BELLO E LISCIO DELLA PELLE, MA UNA PELLE DAVVERO RINGIOVANITA ANCHE BIOLOGICAMENTE, NON SOLO IN APPARENZA.

È a questo che dobbiamo tendere, giacché i trattamenti che dànno un miglioramento estetico ottenuto a spese dello stato di salute biologico alla lunga invecchiano la cute.
Perciò le persone giovani dovrebbero evitare radiofrequenze, laser, e tutti quei trattamenti che provocano infiammazione. Simili trattamenti vanno riservati solo ai casi di vera necessità e alle pelli piú anziane.

Anche alle pazienti meno giovani io consiglio un primo approccio con la medcina rigenerativa. Nel caso sia indispensabile ,suggerisco un trattamento di riparazione che dia origine a collagene cicatriziale.

Resta da vedere come si ottiene una corretta biostimolazione nella pratica clinica.
Pubblicherò un nuovo post sull’argomento nel piú breve tempo possibile, se lo gradite.
Ciò che conta alla fine è che TUTTE siamo coscienti di quanto ci occorre per mantenere o ripristinare i giusti equilibri che stanno alla base della salute, e che si manifestano attraverso quell’armonia che è BELLEZZA.

Scritto da Mariapia Spirolazzi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here