Abbronzatura naturale o artificiale: ecco come avere una pelle omogenea

Avere una pelle abbronzata è il desiderio di tantissime persone.

Tuttavia, riuscire ad ottenerla in maniera omogenea non è affatto semplice.

Proprio per tale motivo, c’è chi decide di attuare delle strategie, basate sull’integrazione di alimenti ricchi di melanina, prodotti autoabbronzanti e trattamenti artificiali.

Scopriamoli nel dettaglio!

Abbronzatura naturale fai da te

Come vi abbiamo detto poco fa, una delle tecniche più valide per un’abbronzatura fai da te è il cibo.

Infatti, il segreto sta nell’assunzione di alcuni alimenti contenenti betacarotene (ossia il precursore della vitamina A).

Di conseguenza, dite sì al consumo di carote, albicocche, pesche e varie tipologie di pesce, di carne e di verdure (tipo i peperoni o i pomodori).

La lista è davvero infinita e integrando questi cibi nella quotidianità, è possibile rendere la pelle più propensa ad abbronzarsi.

Esposizione graduale

Tuttavia, oltre al fattore alimentazione, è possibile avere la pelle dorata attraverso un’esposizione graduale.

Pertanto, si sconsiglia vivamente di restare molte ore sotto al sole (specialmente i primi giorni e nelle ore più calde). Più che altro, è preferibile esporsi poco tempo ma in maniera costante.

In caso contrario, non farete altro che provocare rossori e scottature per poi “spellare”. Ciò significa che vi ritroverete con una pelle a chiazze e non di certo bella dal punto di vista estetico!

Invece, per ottenere un’abbronzatura omogenea e naturale, restate un po’ al sole nelle prime ore del mattino (ad esempio dalle 8 alle 10) o nel tardo pomeriggio (tipo dalle 16 alle 18).

Ovviamente, pur trattandosi di raggi UV deboli, è importantissimo proteggersi con una crema solare.

Quest’ultima, va scelta con molta astuzia.

Di conseguenza, più si ha una pelle chiara e maggiore dovrà essere il fattore di protezione. Allo stesso tempo, cercate di mantenere la cute sempre idratata, applicando una lozione post doccia, un gel corpo o un apposito doposole.

Abbronzatura birra e olio

Per chi avesse una pelle già scura, potrebbe pensare di intensificare l’abbronzatura con una serie di metodi fai da te.

Tra i più noti in assoluto, troviamo quello a base di birra.

Quest’ultima presenta una serie di principi attivi in grado di rendere la pelle ancor più dorata, ad esempio il luppolo contenuto.

Chiaramente, non dovrà essere applicata da sola ma con dell’olio, in modo da creare un composto un po’ più solido. Pertanto, è necessario mischiare un po’ di birra con dell’olio d’oliva ed applicare sulla cute massaggiando delicatamente.

Noterete dei significativi cambiamenti sin dalle prime applicazioni. Tuttavia, ci teniamo a ribadire che si tratta di un metodo da evitare in caso di pelle chiara e sensibile.

In caso contrario, potreste andare incontro a scottature o vere e proprie ustioni, specialmente nelle ore più calde della giornata.

Invece, si consiglia di usare la crema fai da te con birra e olio, soltanto se si ha una pelle già scura e abbronzata.

Abbronzatura spray

Esiste un’altra strategia per rendere la cute dorata in maniera naturale ed è l’abbronzatura spray.

Essa è in grado di colorare la pelle in modo omogeneo, senza recare particolari controindicazioni, poiché agisce sullo strato superficiale dell’epidermide.

Pertanto, può essere una buona idea che ci consente di non doversi esporre al sole o sottoporre a lampade UV.

Andando nello specifico, si tratta di un prodotto cosmetico che si adegua ad ogni tipologia di carnagione (sia chiara che scura).

Basta spruzzare la soluzione su viso e corpo e nel giro di qualche minuto, noterete un colorito più intenso.

Tuttavia, pur non essendo un metodo invasivo per la pelle, l’abbronzatura spray richiede una serie di accortezze.

Per esempio, sarà necessario evitare profumi, olii e creme nelle ore antecedenti all’applicazione. Ma non solo: è preferibile non sottoporsi a docce e lavaggi subito dopo, altrimenti l’effetto scomparirebbe.

Inoltre, bisogna indossare degli abiti comodi e non eccessivamente stretti (subito dopo aver spruzzato il prodotto), altrimenti potrebbero interferire con il risultato.

Infine, in termini di durata, solitamente l’abbronzatura spray resta quasi intatta sulla pelle per circa 5-7 giorni.

Dopodiché, sarà necessario applicare nuovamente la soluzione o eliminarla attraverso una soluzione esfoliante.

Così facendo, potrete evitare l’effetto a chiazze e ritornare ad un colorito omogeneo.

Abbronzatura con caffè

Per ottenere un’abbronzatura naturale potreste pensare di creare una crema a base di caffè.

Quest’ultimo, oltre ad avere una serie di effetti benefici per l’organismo (se assunto con discrezione), risulta essere un vero e proprio alleato di bellezza.

Solitamente, si utilizza il caffè per creare delle soluzioni esfolianti da applicare una o due volte a settimana. Allo stesso tempo, si può impiegare per creare un’abbronzante fai da te.

Realizzarlo è davvero semplice. Basta preparare il classico caffè con la moka e lasciarlo raffreddare (è sufficiente una tazzina).

Dopodiché, versatelo in una ciotola insieme ad una crema corpo bianca priva di profumo, facilmente disponibile nelle migliori farmacie.

A questo punto, applicate il composto sulla pelle massaggiando in profondità. Alla fine, noterete una leggera doratura super naturale!

Tuttavia, nel caso la vostra pelle dovesse essere molto secca, potreste pensare di aggiungere qualche goccia di olio d’oliva o un cucchiaino di miele!

La cute risulterà abbronzata ma allo stesso tempo idratata e super profumata. Provare per credere!

Migliori creme solari

Nel caso in cui aveste intenzione di ottenere un’abbronzatura omogenea tramite la semplice esposizione al sole, sarà necessario acquistare una crema solare di qualità.

In commercio se ne trovano tantissime, sia a livello di marche che di prezzi. Proprio per tale motivo, c’è l’imbarazzo della scelta ed è difficile capire quale sia la migliore in assoluto.

Tuttavia, dando un’occhiata alle recensioni web potreste farvi un’idea delle creme solari maggiormente consigliate a seguito di esperienze personali.

Tra i prodotti più gettonati, troviamo:

Nivea Sun Protect

Stando alle diciture presenti online, la crema Nivea Sun protect & Bronze, garantisce una protezione efficace ed un’abbronzatura intensa e dorata.

Contiene un estratto vegetale che favorisce la produzione naturale di melanina, responsabile dell’abbronzatura e della protezione della tua pelle.

Inoltre, possiede una formula idratante e leggera che non appiccica ed è resistente all’acqua.

Dona un risultato naturale al 100% e il colorito si intensifica grazie alla presenza di filtri UVA e UVB.

Infine, Nivea Sun Protect è adatta a quasi tutti i tipi di pelle, in quanto disponibile secondo diversi gradi di protezione.

Garnier Ambre Solaire

Tra le migliori creme solari disponibili in commercio, troviamo quelle di Ambre Solaire.

I loro prodotti sono dall’efficacia provata e offrono una protezione contro i raggi UVB, UVA, UVA lunghi. Inoltre, aiutano a prevenire il foto invecchiamento causato da raggi infrarossi.

Tuttavia, per offrire l’elevata sicurezza dermatologica, le loro formule sono concepite sulla base di quattro principi:

  • Una protezione fotoresistente avanzata
  • L’indice di protezione molto alto, fino a 50+A
  • Un aiuto nella prevenzione del foto invecchiamento causato dai raggi infrarossi
  • La formula ipoallergenica

Per quanto riguarda l’applicazione, si consiglia di effettuarla prima di ogni esposizione al sole, anche nelle ore meno calde.

Abbronzatura artificiale

Per chi non avesse modo di esporsi al sole, può optare per l’abbronzatura artificiale.

Quest’ultima si ottiene attraverso un trattamento di lampade UV, le quali possiedono la capacità di rendere la cute dorata, proprio come se fossimo reduci da una bella vacanza al mare.

Le lampade abbronzanti debuttarono negli Stati Uniti circa sessant’anni fa.

A seguito di alcune sperimentazioni, si scoprì che erano in grado di rendere la pelle più scura in maniera semplice.

Tuttavia, nel corso del tempo ci sono stati numerosi dibattiti riguardanti la loro affidabilità.

Il fatto che agiscano in profondità, non le rende di certo un mezzo sicuro. Senza contare il fatto che talvolta, possono presentare alcuni difetti inerenti ai filtri, ossia l’elemento principale di questi aggeggi.

Pertanto, è stato constatato che una mancata manutenzione (o una scarsa qualità del macchinario), potrebbero portare a degli effetti collaterali, come ad esempio:

  • Ustioni
  • Eritemi
  • Dermatiti solari
  • Tumore alla pelle
  • Problemi agli occhi (in assenza di protezioni)

C’è da dire però, che a differenza dei raggi solari, le lampade UV sono meno invasive, in quanto garantiscono un’abbronzatura graduale ed omogenea.

Anche se si sconsiglia vivamente nel caso la pelle dovesse essere affetta da alcune patologie (ad esempio dermatite, melasma e via dicendo), oppure molto sensibile ai raggi solari.

Inoltre, è preferibile sottoporsi alle lampade UV quando si hanno almeno 18 anni. Di conseguenza, i bambini vanno esclusi da tale trattamento estetico.

Oppure, è meglio evitare se si stesse seguendo una terapia farmacologica, ad esempio con antibiotici o antinfiammatori.

Infine, in termini di tipologie, possiamo classificare le lampade abbronzanti in quattro categorie: lampade UV di tipo 1, lampade UV di tipo 2, lampade UV di tipo 3 e di tipo 4.

Abbronzatura naturale o artificiale

A questo punto ci si chiede: è meglio abbronzarsi in maniera naturale o artificiale?

Chiaramente, quella naturale si rivela la più valida ed allo stesso tempo veritiera.

Tutto sta nelle modalità con le quali si decide di esporsi.

Pertanto, come vi abbiamo già accennato in precedenza, è fondamentale abbronzarsi con una certa cautela.

Cercare di ottenere una tintarella omogenea in tempi repentini è difficile, a meno che non si possiede già di base una carnagione scura.

Riuscire ad avere un’abbronzatura perfetta non è una missione impossibile.

Gran parte del lavoro sta anche nell’alimentazione (grazie agli alimenti contenenti betacarotene) e l’utilizzo di alcuni prodotti che ci consentono di rendere la pelle dorata e visibilmente più luminosa.

Migliori prodotti abbronzanti

Nel caso in cui foste interessati all’acquisto di un abbronzante, sappiate che la scelta è vastissima.

Infatti, in diversi negozi fisici e sul web, avrete la possibilità di optare per numerosi brand, anche a piccoli prezzi.

Stando ad alcune recensioni, i migliori prodotti abbronzanti risultano essere i seguenti:

Bilboa Carrot Plus Latte Solare

Come riportato dalle diciture amazon, il latte solare super abbronzante di Bilboa dona alla pelle un’abbronzatura intensa, un colorito invidiabile e duraturo; contiene burro di Karité che nutre e idrata sotto al sole.

Con Beta-Carotene potenziato che attiva la naturale pigmentazione della pelle, così abbronzarsi è più rapido e semplice e il colorito uniforme e sublime a lungo.

Inoltre l’inconfondibile profumo di Bilboa Carrot, l’autentico profumo d’estate, ti inebria e rende l’esposizione al sole molto piacevole.

Ottimale per pelli scure o già abbronzate e dermatologicamente testato.

Insomma, il latte solare Bilboa Carrot Plus Super è studiato per stimolare la naturale produzione di melanina sotto al sole, aumenta la naturale capacità della pelle di abbronzarsi, rendendola più bella e colorata in meno tempo.

Collistar Super Abbbronzante

Questo prodotto di Collistar si presenta sotto forma di unguento.

A livello di formulazione, è ultra-abbronzante senza filtri ideale per chi desidera un’abbronzatura estremamente rapida e intensa, dalle tonalità tropicali.

Tra l’altro, è ricco di vitamine, cera d’api vergine e pregiati oli vegetali.

Di conseguenza, garantisce un elevato apporto emolliente, super idratante e antinvecchiamento e grazie ad un complesso superabbronzante, intensifica il colore delle pelli già scure e resistenti.

Per quanto riguarda l’applicazione, basta stendere sul corpo prima dell’esposizione al sole e ripetere l’applicazione più volte durante la giornata (soprattutto nel caso di bagni prolungati).

Beer Cream, abbronzante alla birra

Come suggerisce la dicitura, la Beer Cream attiva ed intensifica l’abbronzatura grazie ai componenti della Birra uniti all’Alga Dorata (nota come Laminaria Ochroleuca Extract).

Utilizzandola, avrete la possibilità di ridurre i tempi di esposizione a raggi solari e a lampade UV, limitandone così i rischi.

La pelle è protetta grazie all’azione dei principi attivi contenuti e l’abbronzatura ne risulta intensificata con sicurezza

Inoltre, idrata senza ungere.

Infatti, rende la pelle dorata, liscia e vellutata grazie all’azione di Acido Ialuronico (super idratante), Vitamina E (potente antiossidante), burro di Karitè (nutriente ed emolliente) e Estratto di Rusco (ottimo protettore dei capillari).

Ma non solo. Ciò che la rende accattivante è anche la sua profumazione piacevole e delicata che ricorda delicate e sensuali essenze esotiche.

Per concludere

Facendo un resoconto, possiamo dire che i metodi per abbronzarsi in maniera omogenea sono numerosissimi.

A prescindere dalla differenza tra la tintarella naturale e artificiale, ciò che importa davvero è il saper agire in maniera responsabile durante la fase di esposizione.

Ricordiamoci che la salute della pelle è davvero molto importante e una non curanza potrebbe generare una serie di complicanze da non sottovalutare.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.