Cicatrici normali, ipertrofiche e cheloidi: il metodo che ‘Resolve’

Che si tratti di cicatrici normali, ipertrofiche causate da acne e ferite (da parto cesareo, ad esempio) oppure di cheloidi, esistono rimedi più o meno efficaci per ridurli e trattarli con successo.

Esistono metodi definitivi e più invasivi come laser, luce pulsata, radio frequenza, lipofilling, crioterapia o meno invasivi e più pratici per tentare di migliorare notevolmente il problema.

Iniziamo a trattare i rimedi più a portata di mano come Resolve.

 

Resolve gel

Non tutte le donne optano per trattamenti come laser o luce pulsata e, per tentare di ridurre e migliorare l’aspetto di cicatrici normali o ipertrofiche, scoprono il trattamento Resolve disponibile in commercio sia in gel che in cerotto. Questo prodotto è classificato come dispositivo medico CE Classe I: è utile sia per la prevenzione sia per il trattamento delle cicatrici ipertrofiche e cheloidi (anche di vecchia data) in quanto sfrutta i processi fisiologici di rimodellamento della cute (corpo e viso).

In otto settimane, Resolve in gel trasparente a base di silicone e vitamina E ne riduce la vistosità (le dimensioni ed il miglioramento del colore): occlude e idrata prevenendone la formazione.

Agisce su tessuti cicatriziali di vario tipo derivanti da acne, ustioni, parto cesareo, ferite chirurgiche, abrasioni ed escoriazioni,

Il gel va applicato solo su ferite chiuse (prevenzione) o su ferite cicatrizzate (cura per la riduzione di una cicatrice già formata) evitando accuratamente il contatto con mucose, occhi, pelle trattata con farmaci ad uso topico.

 

Resolve cerotto

Resolve in cerotto è una membrana adesiva di poliuretano (da tagliare a seconda delle necessità) che tratta cicatrici normali e ipertrofiche (recenti o di vecchia data).

Agisce attraverso un’azione occlusiva che impedisce la perdita di acqua reidratando la zona interessata, mantenendo la temperatura costante, favorendo e regolando l’azione dei fibroblasti, le cellule che hanno il compito di ricostruire i tessuti.

Il cerotto Resolve color pelle resiste all’acqua e protegge le cicatrici dal sole.

Va applicato a permanenza (o per almeno 12 ore consecutive) su ferite chiuse facendolo aderire perfettamente alla cute sia per prevenire che per curare cicatrici più o meno vistose: va cambiato regolarmente ogni 3-7 giorni quando la tenuta adesiva non è più sufficiente o quando è sporco.

Si ottengono risultati concreti dopo 8 settimane.

Per le cicatrici ipertrofiche, spesse e di vecchia data, il cerotto Resolve risulta più efficace del gel in quanto riduce ed appiattisce visibilmente la cicatrice.

 

Cicatrici: le soluzioni più invasive e definitive

Laser, luce pulsata e radio frequenza sono i metodi più innovativi ed efficaci che rimuovono le cicatrici: agiscono sulle cellule morte, le rimuovono per far sì che la pelle si rigeneri. Questi trattamenti devono sempre essere eseguiti da specialisti in strutture sanitarie sicure in termini di tecnologia ed igiene.

Con il lipofilling, intervento chirurgico eseguito in anestesia locale, vengono trattate le cicatrici ‘introflesse’ anche molto profonde: la tecnica consiste nel prelevare il tessuto adiposo ovvero il grasso integrandolo nelle parti dove sono presenti le cicatrici.

Per le cicatrici inspessite (l’opposto di quelle introflesse), funziona la crioterapia che agisce in modo tale da riassorbire il tessuto in eccesso raffreddando le zone su cui intervenire senza rimuovere lo strato cellulare.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.