Andare in bicicletta al lavoro fa bene

biciclettaE’ un modo concreto per dimostrare di volerci bene ma anche di volere bene all’ambiente che ci circonda. Perché negli ultimi tempi sono sempre di più le persone che si recano sul posto di lavoro utilizzando la bicicletta, anche nelle grandi città, e ci sono diversi motivi perché questa scelta si rivela salutare, oltre che molto economica.

Partiamo da quelli fisici. Pedalare rimane una delle attività fisiche migliori per regolare il proprio benessere. La bicicletta, con i suoi movimenti armoniosi, ha un effetto rimodellante e rassodante per gambe e glutei e soprattutto permette di bruciare moltissime calorie, soprattutto in un periodo come questo che precede la prova costume e le vacanze.

Inoltre la bici ci permette di stare più a contatto con noi stessi, stimolando l’attività cardiocircolatoria e aumentando anche la quantità di ossigeno che affluisce al cervello, migliorando così l’attenzione e la memoria. E ancora, pedalare permette di staccare con lo stress di ogni giorno, per arrivare a casa sena portarsi dietro le noie della giornata lavorativa, e poi sazia anche quella voglia di sana libertà che lo stare chiusi tra quattro mura di un ufficio o di una fabbrica non ci possono dare.

Ma non è tutto, perché oltre al rispetto per l’ambiente che non verrà ulteriormente ammorbato dalle pericolose emissioni di CO2, la bici permetterà con un piccolo investimento iniziale (mica servono per forza quelle super accessoriate…) di risparmiare sui costi di benzina, parcheggi, assicurazioni, insomma tutto quello che serve per l’auto. Si tratta soltanto di cominciare e vedrete che i benefici saranno di certo superiori alla fatica che farete per pedalare. Infine una piccola avvertenza;: specialmente nelle grandi città mezzi come le biciclette vanno a ruba, nel senso letterale del termine. Quindi se non potete portarle all’interno del vostro posti di lavoro, meglio avere sempre con voi un bel lucchetto.

 

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.