Cibi che fanno male alla pelle: i 10 nemici della vostra bellezza

Esistono alimenti che rigenerano, nutrono, idratano ed illuminano la cute e cibi che fanno male alla pelle, responsabili di acne, rossori ed invecchiamento precoce, quindi da evitare il più possibile.

Siamo quello che mangiamo, non si scappa, e ciò che mangiamo incide sulla bellezza della nostra pelle molto più di un siero o della crema più innovativa.

Ovviamente, non si possono evitare del tutto: la mossa giusta da fare è assumerli in minime quantità, quando non se ne può fare a meno.

Cibi che fanno male alla pelle: siamo quello che mangiamo

Sappiate che i cibi che fanno male alla pelle che andiamo ad elencarvi sono alimenti che influiscono negativamente sull’equilibrio idrolipidico della cute.

Amate di più la vostra pelle o ce la fate ad evitare cibi dannosi, che attentano alla vostra bellezza?

La risposta più naturale potrebbe essere: “dipende da quali sono”. Eccovi servite.

 

Sale

I cibi molto salati causano ritenzione idrica che si trasforma in gonfiore, specie sotto gli occhi.

Se volete prevenire le borse sotto gli occhi o combatterle evitate l’eccessiva assunzione di sale.

Il sale, oltretutto, disidrata le cellule cutanee, fa perdere tono alla pelle e porta alla comparsa delle rughe.

 

Zucchero raffinato

Lo zucchero, quando entra in circolo, si ‘attacca’ alle proteine generando molecole che danneggiano elastina e collagene: causando stress ossidativo, favorisce la comparsa precoce di rughe.

E’ responsabile di brufoli (perché aumenta il picco di insulina causando infiammazione cutanea) e rottura del collagene.

Evitate quindi zucchero raffinato (inclusi dolci e cereali raffinati) e sostituite pane e pasta bianchi con le varianti integrali.

 

Carne rossa

Siete carnivore? Allora, dovete sapere che, tra i cibi che fanno male alla pelle, la carne è ai primi posti in classifica. Contiene un elevato livello di carnitina che irrigidisce la pareti dei vasi sanguigni ed è quindi responsabile dell’invecchiamento precoce.

 

Alcolici

Gli alcolici disidratano la pelle, la rendono secca e asfittica. Provocano rossori (peggiorano la rosacea), rottura dei capillari e gonfiore dei tessuti molli.

Un consiglio: alternate agli alcolici (vino, birra, vari drink) con un bicchiere di acqua naturale.

 

Frittura

I grassi derivanti dagli alimenti fritti rilasciano radicali liberi nell’organismo e, in più, occludono i pori. Parlando di cibi che fanno male alla pelle (ed alla salute in genere), quelli fritti sono tra i peggiori.

 

Caffeina

L’amatissimo caffè porta un sacco di guai. Cancellate la caffeina (specie il caffè mattutino) dal vostro menu: stimola la produzione di cortisolo (ormone dello stress) dalla ghiandola pituitaria del cervello e, di conseguenza, favorisce la comparsa di acne ed accelera l’invecchiamento della pelle. Il caffè è anche un diuretico, disidrata la pelle, la rende secca e segnata.

 

Pane

Il pane è da limitare perché contiene glutine e questo non vale solo per i celiaci. Il glutine provoca infiammazioni, eruzioni cutanee, arrossamenti, irritazioni, pruriti e può causare la dermatite erpetiforme, caratterizzata dalla comparsa di bolle e vesciche sugli arti superiori ed inferiori, attorno alla bocca.

 

Cibi industriali

I cibi preconfezionati (merendine, salatini, pane bianco) avendo un elevato indice glicemico rovinano la pelle. Innalzano il picco d’insulina ed il livello di zucchero nel sangue scatenando infiammazioni cutanee, acne. Meglio depurarsi con proteine magre e verdure. Sono anche ricchi di sale, grassi idrogenati, conservanti, additivi, veleno per la pelle.

 

Latte e latticini

Il latte ed i suoi derivati contengono testosterone che stimola la produzione di sebo provocando acne, brufoli. Il latte scremato non è una valida alternativa per aggirare il problema: il processo che porta alla scrematura del latte lascia come residuo una maggiore quantità di ormoni che causano l’acne. Meglio sostituirlo con il latte di mandorla od altri prodotti biologici privi di ormoni aggiunti.

Si consiglia di ridurre il consumo al minimo anche di derivati del latte (yogurt, formaggi) essendo ricchi di zucchero e grassi.

 

Grassi idrogenati

I grassi idrogenati non sono classificabili soltanto come cibi che fanno male alla pelle. Meglio starne lontano per evitare patologie cardiache. Cibi raffinati, cibi spazzatura (fast food) e fritture contengono grassi e oli idrogenati che fanno male alla salute ed hanno effetti negativi sulla pelle. L’olio riscaldato a temperature molto elevate si ossida, causa danni ossidativi alle cellule accelerando il processo di invecchiamento.

 

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.