Ciste al seno : quando è il caso di preoccuparsi?

ciste al seno

Nelle donne giovani sotto i quarant’ anni il carcinoma mammario (tumore maligno al seno) è una rarità. In molti casi un nodulo sospetto al seno è spesso un falso allarme che viene smentito dal ginecologo già dopo una semplice palpazione. Nella maggior parte dei casi de casi si tratta di cisti al seno o di fibroadenoma, formazioni benigne frequenti nelle donne in giovane età. Il medico già alla palpazione sarà in grado di rendersi conto della situazione, dal momento che a differenza dei tumori maligni queste formazioni si presentano con contorni lisci e regolari e si muovono sotto la pressione del polpastrello.

Le cisti al seno sono noduli che si formano nel tessuto mammario e sono costituite da una capsula all’interno della quale vi è un liquido sieroso che può essere analizzato in caso di dubbi, per eliminare il sospetto di una formazione maligna.

MASTOPATIA FIBROCISTICA

La maggior parte delle volte le cisti al seno sono causate da una condizione chiamata mastopatia fibrocistica, ovvero un’alterazione del tessuto mammario che coinvolge circa il 35% delle donne tra i 30 e i 50 anni. Per natura queste donne hanno un seno particolarmente fibrotico, disseminato all’ interno di piccole cisti il cui diametro può variare grandemente e che possono interessare uno solo o entrambi i seni. Si tratta di una condizione benigna , tanto che se in passato era considerata una patologia oggi la si ritiene una situazione costituzionale. Si pensa sia legata a disturbi del l’ equilibrio ormonale, tanto che spesso si presenta alcuni giorni prima dell’inizio del ciclo mestruale o all’arrivo della menopausa, quando l’alterata produzione di estrogeni prima del ciclo non viene compensata da un adeguato livello di progesterone. Generalmente non è necessaria nessuna terapia. In caso di dolore è utile l’assunzione di FANS o di aspirina. Sono anche utilizzati prodotti topici (gel) a base di progesterone. Se i noduli fibrocistici sono particolarmente fastidiosi, se ne può drenare il liquido con una procedura ambulatoriale, oppure li si può rimuovere con un intervento chirurgico.

FIBROADENOMI

Il fibroadenoma è un tumore benigno di tipo fibroso, molto frequente nelle donne giovani. Tende ad aumentare di volume durante gravidanza e allattamento, e a regredire in menopausa, anche se va detto che la terapia sostitutiva ormonale può invece determinare una recidiva anche in donne oltre i 50 anni. E’ una cisti di  consistenza fibrosa, spesso mobile, e non dolente alla palpazione. Normalmente è di dimensioni estremamente ridotte e anche quando si ingrandisce non supera mai i 2-3 cm di diametro. Una volta confermata la presenza di una malattia benigna il medico può ritenere opportuno non prescrivere nessun intervento ma solamente raccomandare alla paziente di eseguire controlli medici ad intervalli regolari. Si interviene chirurgicamente  solo nel caso in cui si presentino sintomi dolorosi, come per esempio se il nodulo si trova in corrispondenza del ferretto del reggiseno e viene sottoposto a sfregamento continuo.

CISTI DA ALLATTAMENTO O GALATTOCELE

Questo tipo di cisti si manifesta solo durante l’allattamento ed è causata dalla dilatazione del canale che collega la ghiandola mammaria al capezzolo. Spesso si forma se il bambino non succhia bene o in maniera regolare, provocando un ristagno del latte e gonfiore del seno.  Spesso si risolve in maniera del tutto autonoma e la cisti si riassorbe in poco tempo; in rari casi però i germi presenti sulla pelle possono provocare un’infezione che da luogo ad una mastite e sarà necessaria una terapia antibiotica.

 

COSA FARE IN CASO DI COMPARSA DI NODULI SOSPETTI

La cosa più importante per assicurarsi di avere un seno sano è la prevenzione.

Bisogna cominciare sin da giovanissime a praticare l’autopalpazione , in modo da conoscere il proprio seno e le sue caratteristiche. Questo è importante a maggior ragione per chi soffre di mastopatia fibrocistica, in modo da poter rilevare facilmente la presenza di un nodulo anomalo rispetto a quelli che si hanno di solito.

Dai 30 ai 35 anni si dovrebbe cominciare a sottoporsi ad una ecografia mammaria annuale, e dai 40 in poi anche ad una mammografia.

Come abbiamo detto spesso le cisti, soprattutto in giovane età, non sono sintomo di tumore al seno, che è un killer silenzioso e asintomatico nella stragrande maggioranza dei casi, tuttavia nel caso di dubbi è opportuno rivolgersi subito al proprio ginecologo, in special modo se il nodulo sospetto si presenta rosso, infiammato o molto dolente.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.