Maskne: come curare l’acne da mascherina

Negli ultimi giorni si sta parlando moltissimo dell’acne da mascherina, nota come allarme maskne.

Essa sta colpendo molte persone, specialmente coloro che presentano una tipologia di pelle grassa o mista. Come mai si verifica tale fenomeno?

Come spiegato dal dermatologo e specialista Dr Faheem​ Latheef, in un’intervista per “The Evening Standards”:

“Con la pandemia da Covid-19i livelli di stress hanno fatto aumentare le eruzioni acneiche e altre problematiche della pelle, lì dove questa è occlusa dalle mascherine che abbiamo iniziato a usare durante la pandemia”.

Ma non è tutto. Bisogna mettere in conto anche l’alimentazione scorretta, la mancanza di vitamina D e la scarsa attività fisica condotta durante il periodo di lockdown.

Con l’inizio della fase 2, si ha più probabilità di uscire ma il fatto di dover indossare la mascherina per diverse ore al giorno, incrementa le impurità cutanee.

Di conseguenza, i pori tendono ad ostruirsi e c’è una maggiore proliferazione di batteri. A tal proposito, la dermatologa Tiffany J. Libby, M.D, ha dichiarato:

“Ogni frizione e irritazione da queste provocate può innescare la proliferazione di batteri nella pelle, che se ha lesioni, favorisce l’ingresso di sporco e germi negli strati più profondi”.

Tra l’altro, si prevede un aumento di acne da mascherina nei prossimi mesi, con l’arrivo della calda stagione.

Acne da mascherina come curarla

Come contrastare l’allarme maskne?

Non esiste un metodo universale, in quanto bisogna analizzare il caso specifico. Tuttavia, l’acne da mascherina si può ridurre rispettando alcune regole comportamentali, legate principalmente alle abitudini e all’alimentazione.

Oltre a prediligere il consumo di cibi sani (frutta, verdura e via dicendo) e bere molto, bisogna effettuare regolare attività fisica e prendersi cura della propria pelle.

Solitamente, per una buona skincare si consiglia di:

  • Lavare il viso prima e dopo aver usato la mascherina
  • Utilizzare dei prodotti esfolianti
  • Fare la pulizia del viso (almeno una volta settimana)
  • Usare prodotti neutri

Se ciò non dovesse bastare, sarà indispensabile affidarsi ad un dermatologo, per evitare che la situazione degeneri.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.