Trapianto di baffi: come avviene e quanto costa

Sapevate che esiste la possibilità di effettuare il trapianto di baffi?

Diversi uomini decidono di sottoporsi a tale trattamento per delle ragioni ben precise.

Ad esempio, durante le epoche passate, i baffi erano simbolo di virilità, oltre che nobiltà. Invece, durante gli anni ‘60, andavano molto di moda, insieme ad una folta capigliatura (basti pensare ai Beatles).

Al giorno d’oggi, effettuare un trapianto di baffi è fattibile, grazie alla chirurgia estetica. Vi sembrerà alquanto assurdo ma in tanti scelgono di intraprendere questo percorso, in quanto hanno davvero pochi peli in quella zona.

Ovviamente, oggi l’assenza di baffi non è fonte di discriminazione. Infatti, chi sceglie di fare questa procedura, vuole semplicemente rinnovare il proprio look e seguire una moda un po’ hipster.

Trapianto di baffi: come avviene

Innanzitutto, è bene specificare che il trapianto di baffi si può fare soltanto in centri specializzati.

Il più noto in assoluto è situato in Turchia.

Qui, molte persone scelgono di sottoporsi a tale trattamento, sempre per la questione precedentemente citata. Infatti, secondo la loro cultura, i baffi rappresentano il potere, insieme alla barba.

Tuttavia, nell’ultimo periodo si è registrato un boom di trapianti, con pazienti originari di altre nazioni, persino da donne che hanno voglia di cambiare sesso. Visto l’enorme successo, si sta già pensando di aprire altre sedi in Europa, in particolar modo in Gran Bretagna.

Questo perché secondo una serie di statistiche, qui c’è un’alta percentuale di uomini intenzionati ad effettuare tale procedura.

La procedura è abbastanza semplice. Infatti, bisogna semplicemente prelevare i follicoli piliferi geneticamente resistenti alla caduta da altre parti del corpo.

Dopodiché, si effettuano delle mini incisioni e si trasferiscono dove dovrebbero esserci i baffi. Così facendo, quell’area non presenterà più assenza di peluria e i risultati ottenuti risultano essere duraturi nel tempo.

Post operazione e controindicazioni

Poiché stiamo parlando di un trattamento poco invasivo, la fase post operatoria è semplice e non comporta particolari controindicazioni.

Ovviamente, il paziente dovrà evitare l’utilizzo di prodotti chimici e determinati trattamenti farmacologici. Tutte le informazioni dettagliate vengono fornite dal dottore stesso.

Poco dopo il trapianto di baffi, si potrebbe avvertire un po’ di gonfiore e rossore ma è una cosa del tutto normale. Inoltre, si noteranno delle piccole cicatrici, causate dalle mini incisioni.

Il trapianto dei baffi è un intervento estetico sicuro. Proprio per tale motivo è raro che subentrino delle complicanze. Allo stesso tempo però, non vanno escluse.

Chiaramente, il massimo che può accadere è una piccola infezione, causata da una scarsa igiene o dall’utilizzo di prodotti aggressivi per la pelle. Oppure, nel peggiore dei casi (ma anche rarissimi) si verifica un’incorretta cicatrizzazione.

Se ciò dovesse accadere, è bene rivolgersi prontamente ad un medico, così da valutare al meglio la situazione.

Trapianto di baffi: quanto costa

Definire con esattezza il costo del trapianto di baffi è alquanto difficile.

Questo perché bisogna prendere in considerazione delle variabili, come ad esempio: gli esami clinici aggiuntivi, il centro estetico in questione e così via.

Tuttavia, in linea generale sembrerebbe che i costi si aggirino intorno alle 1600-1800 euro.

Tra l’altro, in Turchia si ha la possibilità di soggiornare in determinate strutture per trapianto di baffi. Il tutto quasi come se si stesse andando in vacanza, complete di pasti e pernottamenti. Incredibile, vero?

Infine, ci teniamo a precisare che il trapianto di baffi non c’entra assolutamente nulla con il trapianto per capelli. Sono due cose completamente distinte.

Questo perché nel caso dei capelli, spesso è sufficiente un trattamento cosmetico.

Per i baffi invece, come vi abbiamo già detto in precedenza, è necessario il passaggio dei follicoli piliferi da altre zone del corpo (solitamente cuoio capelluto o nuca).

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.