Home La cura del corpo Abbronzatura integrale: come fare?

Abbronzatura integrale: come fare?

292
0

Abbronzatura integrale: è il sogno di donne e uomini, la tintarella perfetta, totale e uniforme che non risparmia un solo centimetro di pelle.

Per alcuni il contrasto bianco-nero tipico dell’abbronzatura ottenuta con il classico costume è sexy, ma per gran parte degli amanti della tintarella non lo è affatto, anzi risulta antiestetico tanto che la più grossa dannazione delle donne in spiaggia è gestire bretelle e laccetti, fare in modo che non lascino segni evidenti soprattutto su spalle e schiena per potersi permettere scollature audaci.

Rende più belli, fa apparire più sani ed attraenti ma è necessario ricorrere a tecniche mirate che consigliamo a tutti per evitare rischi alla salute e di danneggiare le zone del corpo più delicate e meno abituate all’esposizione solare.

Come ottenere un’abbronzatura integrale ad hoc? Quali sono i rischi da evitare?

 

Abbronzatura integrale:  problemi pratici

Prima di descrivervi i benefici ed i rischi legati all’abbronzatura integrale, bisogna pensare al problema più pratico.

Le donne più coraggiose decidono per il topless coscienti del rischio di eventuali commenti maliziosi o moralisti del vicino o della vicina di ombrellone.

In Italia, la aree riservate ai nudisti scarseggiano, quindi chi sogna l’abbronzatura integrale deve prendere il sole su una barca, avere una piscina tutta sua o un terrazzo isolato.

In vendita online si trova un costume speciale salva-pudore chiamato tan-through, creato un paio di anni fa da un inglese, che consente di ottenere una tintarella totale ed uniforme.

Il tessuto di questo costume (da donna o da uomo) è realizzato con piccoli fori (una sorta di rete a maglie minuscole) grazie ai quali i raggi solari riescono a raggiungere il 50-80% della superficie corporea (anche quella sotto il costume).

Il tessuto a rete dà un effetto trasparenza che non si nota e si mimetizza alla perfezione con la pelle.

I costumi tan-through richiedono un fattore di protezione medio o basso e sono proposti dai brand Kiniki, Cooltan, Textile, Sun Select, Swinwear, Solar Tan Thru oppure da siti e-commerce come BlueItaly.net e SwimOutlet.com.

 

Abbronzatura Rischi da evitare

Prendere il sole fa bene al corpo ed allo spirito: stimola la produzione di vitamina D (che fa bene alle ossa) e serotonina. Quando, però, si esagera, i raggi solari possono causare scottature, eritemi, accelerare il processo di invecchiamento dei tessuti ed esporre addirittura al rischio tumori della pelle.

Se si parla di abbronzatura integrale, il rischio aumenta soprattutto nelle zone più delicate non abituate all’esposizione del sole (seno, genitali) che vanno assolutamente protette con un’attenzione maggiore.

La mossa intelligente da fare è scegliere una crema protettiva in base al vostro fototipo: esistono 6 tipi che vanno dalla pelle più chiara a quella più scura, ognuna con la sua particolare sensibilità ai raggi solari.

Si raccomanda di abituare gradualmente la pelle all’esposizione solare, giorno dopo giorno, evitando le ore più calde per il rischio scottature e non solo.

 

La lampada per l’abbronzatura integrale

C’è un discorso serio da fare riguardo all’uso di lampade abbronzanti, soprattutto se si ricorre ad esse per ottenere la tanto sognata abbronzatura integrale.

Gli esperti consigliano di limitare le sedute ad una ogni 2 mesi usando il fattore di protezione ideale per il proprio fototipo e proteggendo gli occhi con appositi occhialini.

Affidatevi a centri specializzati  che usano le lampade a fluorescenza piuttosto che quelle ad alta pressione. Perché? Le lampade abbronzanti a fluorescenza emettono raggi UVB e UVA similmente a quelli emessi dai raggi del Sole e, allo stesso modo, permettono di ottenere una tintarella progressiva e duratura.

Con le lampade ad alta pressione ci si abbronza troppo in fretta; queste lampade emettono una quantità maggiore di raggi UVA che penetrano più in profondità esponendo la pelle ad una irradiazione 10 volte più intensa e dannosa rispetto a quella del Sole.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here