Home Trattamento estetico Capelli sfibrati: cure e rimedi

Capelli sfibrati: cure e rimedi

10
0

Alzi la mano chi di voi non si è mai trovata ad affrontare il dramma dei capelli sfibrati. Capita a tutte prima o poi di accorgersi che la testa non ha più la forma di un tempo, a causa degli agenti atmosferici, della troppa esposizione al sole, dello stress per la vita quotidiana ma anche dell’uso prolungato di phon, piastre, tinte e fissanti troppo aggressivi, un’alimentazione che non contiene proteine e vitamine rinforzanti. Le cause sono tante, ma esistono per fortuna che rimedi, in molti casi naturali, per vincere questa battaglia e rinforzare il capello.

Perché i capelli si sfibrano

In buona sostanza i capelli sfibrati perdono la loro forza, la loro energia, quella brillantezza che significa anche poterli sistemare a piacimento senza correre il rischio di ritrovarci ciocche intere in mano quando li pettiniamo.
La cura ha quindi come primo scopo quello di riportare i capelli al loro primitivo vigore utilizzando una serie di sostanze e di prodotti destinati precisamente a questo scopo. Ma come rendersi conto se i capelli sono rovinati? Sarà sufficiente toccarli, anche solo a mani nude, e sentire se sono ruvidi al tatto, troppo complicati da pettinare e tenere in ordine. E poi ci sono le doppie punte che sono così secche da rompersi, portando ad un effetto che si ripercuote sui capelli anche per diversi centimetri della loro lunghezza.
Il primo passo intelligente per combattere i capelli sfibrati è quello di interrompere tutti i trattamenti aggressivi che causano disidratazione danneggiando quindi il fusto. Basta con le tinture chimiche, anche quelle che si usano comunemente in casa, ai trattamenti liscianti o arriccianti come la permanente o la stiratura ma anche alla decolorazione.
Inoltre i capelli stressati vanno trattati con molta più cura rispetto a quelli normali quando si lavano, così come quando si asciugano. Vanno avvolti in un asciugamano, strofinati con delicatezza ma mai strizzati e l’uso del phon è sconsigliato per i motivi che abbiamo già spiegato sopra.
E ancora, lo shampoo mai più di due volte alla settimana per dare il tempo al capello di produrre la giusta quantità di sebo che serve a proteggere i capelli rivestendoli. Insieme alla shampoo, sempre il balsamo che assicura morbidezza e idratazione.

Rimedi naturali per i capelli sfibrati

I rimedi più efficaci per i capelli sfibrati sono quelli naturali, con prodotti che si possono trovare facilmente nelle profumerie e farmacie attrezzate, ma anche in erboristeria.
Partiamo con l‘olio di cocco che è molto efficace soprattutto contro le doppie punte. Va applicato almeno una volta alla settimana sui capelli ancora umidi e lasciato come un impacco per almeno 25-30 minuti. Successivamente si lava via con lo shampoo.
Parlando di olio, molto efficace è anche l’olio di ricino. Un prodotto vegetale che ha proprietà rinforzanti sui capelli troppo indeboliti. Il consiglio è quello di mescolarlo in parti uguali con l’olio di cocco e applicare poi l’impacco sui capelli umidi, lasciandolo per almeno mezz’ora prima di rimuoverlo con lo shampoo.
Invece l’olio essenziale di Ylang Ylang aiuta a combattere la secchezza e la fragilità dei capelli. Ne bastano 2 o 3 gocce mescolati all’impacco di olio di cocco o di olio di ricino già visto, oppure mescolare 1 millilitro di olio essenziale di ylang- ylang a 250 millilitri di shampoo neutro senza profumo. Aumenterà la morbidezza dei capelli.
Altro rimedio naturale è il gel di Aloe . Ne basta un cucchiaio da minestra sui capelli ancora umidi dopo il lavaggio, distribuendolo e massaggiandosi il cuoio capelluto con le mani. Può essere tenuto in testa anche per un’ora prima del risciacquo con un po’ di shampoo e acqua non troppo calda. Infine i semi di lino possono essere utilizzati per preparare un gel da usare come impacco. Basta lasciare in ammollo anche tutta la notte un cucchiaio di semi di lino in un bicchiere di acqua per far formare un gel da spalmare sui capelli. Dopo 30 minuti risciacquate con acqua e, se non basta, anche shampoo. Si può fare anche più di una volta alla settimana.
Ma se non ottenete i risultati voluti, non disperate. C’è anche il burro di karitè che ripara capello in profondità e aiuta le radici a reidratarsi. Basterà applicarne una piccola quantità sulle punte dei capelli e aspettare che faccia effetto.

Maschera fatta in casa

La vera salvezza per i capelli sfibrati e rovinati sono le maschere fatte in casa. Qui ve ne suggeriamo alcune con prodotti che sono facilmente reperibili e assicurano anche un buon risultato finale.
Partiamo con l‘olio d’oliva: in una boule versate una buona quantità di olio, fatelo passare un a decina di secondi nel forno microonde per scaldarlo e poi aiutandovi con un pennello applicatelo sulla cute raggiungendo tutta la lunghezza dei capelli fino alle punte. Poi, dopo aver massaggiato la cute, avvolgete i capelli in un asciugamano caldo e tenete la testa al caldo per almeno un’ora (o anche di più se avete tempo). Si può fare almeno un paio di volte la settimana.
Sempre con l’olio d’oliva, mescolato a miele, yogurt e gocce di olio aromatico alla cannella si prepara un impacco da usare prima dello shampoo: bastano due cucchiai di olio d’oliva, una decina di gocce di olio aromatico alla cannella, un vasetto di yogurt naturale e due cucchiai di miele. Unite tutti gli ingredienti amalgamandoli come fosse una salsa e poi applicate partendo dalla cute fino alle punte, massaggiando continuamente. Lasciate in posa per almeno 40 minuti e lavate accuratamente con lo shampoo. Va fatto una volta alla settimana.
Ma l’olio d’oliva si può usare anche mescolato a dieci gocce di olio essenziale di rosmarino. Mescolate tutto e distribuitelo sui capelli ancora umidi lasciandolo in posa per un’ora. Poi lavateli normalmente ripetendo il trattamento almeno una volta a settimana.
Per i capelli sfibrati e secchi consigliamo anche un impacco a base di olio di semi di lino, aceto di mele, argilla bianca e olio essenziale di cannella. Mescolate tutto in una boule partendo da un cucchiaio di argilla bianca irrorato con l’aceto di mele fino a che non diventa morbido. Poi aggiungete qualche goccia di olio di semi di lino e di olio essenziale di cannella mescolando bene. Questa maschera va applicata sulla chioma bagnata, lasciata in posa per almeno 40-45 minuti prima di risciacquare. Per ottenere risultati visibili va fatta almeno una volta alla settimana, ma in caso di capelli molto sfibrati anche due.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here