Home Fatti e Rifatti (video Striscia) Vip Silvio Berlusconi ritocchini estetici: occhi, zigomi, punturine

Silvio Berlusconi ritocchini estetici: occhi, zigomi, punturine

108
0

Silvio Berlusconi nel corso di tutta la sua carriera politica non ha mai lasciato al caso la sua immagine; in particolare in molte occasioni è apparso “rinnovato” nelle foto pubbliche e private apparse nei giornali e nelle riviste di gossip.

Famose quelle che abbiamo visto dopo la sua visita al centro estetico tra i più famosi del settore, Henry Chenot, della titolare Caroline Chenot. In quell’occasione la proprietaria mostrava soddisfatta alcune foto sul suo profilo Instagram.

Berlusconi interventi al viso

Il centro di bellezza porta il nome del suo fondatore che ha ideato una terapia detox alla quale il Presidente si è sottoposto, perdendo qualche chilo e soprattutto rinnovando i tratti del viso, la parte in cui si è visto di più il cambiamento.

Molte volte aveva già fatto dei lifting, ma in questa occasione sembra esserci stato il tocco del bisturi.

Spesso sembra ricorrere a questi ringiovanimenti attraverso dei soggiorni presso strutture specializzate.

In questi casi insieme a lui vediamo sempre il suo medico personale Alberto Zangrillo. Nei casi dei trattamenti estetici, nell’ambiente si parla anche di punture contenenti delle vitamine che servirebbero ad ammorbidire le rughe sulla fronte e far apparire Silvio Berlusconi con un aspetto più giovanile. Inoltre in questi casi può contare su uno staff competente e discreto.

In altre occasioni lo stesso Premier non ha negato i suoi trattamenti: “Ho conosciuto un professore che utilizza una tecnica innovativa per ringiovanire il viso…” riferendosi a un chirurgo estetico che l’aveva seguito, il famoso Renato Calabria, molto conosciuto nell’ambiente. Spesso torna in Italia e quando Berlusconi ha bisogno di un rinnovo estetico lascia il suo studio di Beverly Hills per accontentare al meglio Berlusconi.

Collo , palpebre e zigomi

Anche nel 2009 Berlusconi ha aveva fatto un trattamento estetico; era andato a Lugano, presso la clinica Ars Medica, dove si face assistere da uno staff medico della California, con a capo Cryant Toth il capo chirurgo. Insieme si concentrarono sul rinnovamento del collo, delle palpebre e del viso.

Ovviamente il discorso sull’estetica ha sembre avuto una grande importanza per Berlusconi, essendo stato prima di candidarsi, un imprenditore che ha sempre curato la sua immagine.

È nato il 29 settembre 1936 a Milano ed ha passato la sua infanzia nel quartiere Isola di Milano; ha fatto i suoi studi di liece al liceo classico.

Silvio Berlusconi vita privata

In seguito ha frequentato l’Università di Milano scegliendo il corso di laurea in Giurisprudenza, laureandosi nel 1961I.l suo primo legame affettivo è stato con Carla Elvira Lucia Dall’Oglio, con la quale si è sposato, avendo i suoi primi due figli, Marina e Pier Silvio.

Nel 1985 il matrimonio con sua moglie è finito, e nel 1988 ha conosciuto Veronica Lario, che ha sposato e con la quale ha avuto tre figli, Barbara, Eleonora e Luigi. Nel 2009 i due si sono separati.

Sul fronte del lavoro, Berlusconi ha iniziato sulle navi da crociera, suonando il pianoforte, per intrattenere i turisti e ha anche lavorato come venditore porta a porta.

Nel 1961 ha iniziato la sua esperienza nel campo delle costruzioni e ha dato vita alla società Cantieri Riuniti Milanesi Srl; successivamente ha aperto la Edilnord. Il suo impegno in questo settore gil ha portato i primi successi e nel 1977 viene nominato cavaliere del lavoro da Giovanni Leone, il Presidente dell’epoca.

In seguito inizia anche la sua avventura nel mondo della finanza, infatti nel 1975 fonda la Fininvest.

Silvio Berlusconi Carriera

Nel 1978 Berlusconi decide di entrare nel mondo della comunicazione, in particolare della televisione; acquista Telemilano, una televisione via cavo che era attiva nella zona di Milano 2. Telemilano è quella che oggi conosciamo come Canale 5; questo canale fin dai primi tempi della sua gestione ha migliorato sempre di più diventanto una delle reti private più importanti degli utimi 30 anni. Nel 1982 acquista anche altre reti, che oggi sono Italia 1 Rete 4, che sono insime a canale 5 tutte reti della società Fininvest. Nel 1984 queste reti erano state oscurate dai pretori di Torino, Pescara e Roma; in seguito erano state rimesse in chiaro da Bettino Craxi, leader socialista dell’epoca.

In seguito Berlusconi ha comandato le sue reti attraverso la Mediaset, che sono state poi protagoniste durante la sua famosa discesa in campo.

Spostandoci sul settore dell’editoria troviamo anche qui il suo lavoro; nel corso della sua esperienza acquista un ruolo di rilievo nel settore. I suo investimenti passano da un settore all’altro, in particolare nel 1986, quando si cimenta nel campo sportivo, precisamente nel settore calcistico. Acquista nell’ ’86 la società sportiva AC Milan.

Durante gli anni successivi, il suo Milan sarà capace di vincere numerosi trofei in campo nazionale e internazionale.

Nel 1993 Berlusconi prende una delle decisioni più importanti della sua carriera professionale; decide infatti di candidarsi come politico, dando vita al movimento politico Forza Italia, che si posiziona nel centrodestra e ottiene da subito ottimi riscontri tra i suoi elettori di riferimento.

Il suo personaggio nel corso degli anni ha aperto infiniti dibattiti tra i partiti, sia di maggioranza che di opposizione. Fin dall’inizio della sua carriera politica, le sue avventure in campo poiltico sono sempre state accompagnate dalle sue battaglie giudiziarie.

Nel 2008, con il suo partito Popolo della Libertà riscuote grande successo; nel 2011, incomincia un calo dal punto di vista del riscontro elettorale, in particolare quando verso la fine dell’anno di dimette da capo del governo. A incidere sulla sua immagine politica gli scandali che lo hanno visto protagonista in particolare con il caso “Ruby”, legato alla sua vita privata.

A seguito di vari processi, nel 2013 viene condannato a quattro anni di reclusione, ma nel 2006 grazie all’indulto gli vengono condonati 3 anni. Il processo era legato ai reati di frode fiscale, nel quale era coinvolta la sua società Mediaset.

Sempre nel 2013, viene condannato alla interdizione ai pubblici uffici per due anni. Nel 2013 il Senato della Repubblica ha fatto una votazione a seguito della quale è decaduta la sua carica di senatore. Dopo circa venti anni di presenza politica Berlusconi ha cosi interrotto la sua carica di parlamentare. Nel 2014 invece si è autosospeso dalla sua carica di Cavaliere del Lavoro

Sempre nel 2014 il Tribunale di sorveglianza di Milano, mette in atto la condanna in modo definitivo all’interno del processo Mediaset.

Questo porta Berlusconi a dover scontare la condanna attraverso i servizi sociali. Il tutto si conclude nel 2015, quando Berlusconi termina il suo servizio sociale. In seguito alla legge Severino però non si è potuto candidare fino all’anno in corso.

Articolo Scritto da Luca Donati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here